IL FRITTO MISTO - PopUp Food
 

IL FRITTO MISTO

News

IL FRITTO MISTO

Il fritto misto di pesce è un piatto a cui è difficile rinunciare, un classico senza tempo della cucina italiana.
I passaggi per una buona frittura sono pochi, ma fondamentali se la si vuole ottenere croccante e gustosa. Oltre a pesce fresco, occorre farina di semola e olio di semi per friggere.
ità dei prodotti e per il prezzo molto onesto.

Al sud il fritto misto viene servito in versione street food all’interno di un cartoccio di carta, il famoso cuoppo e gustato passeggiando, ma visto che in questo momento gli spostamenti sono un po’ limitati, raggiungiamo il nostro pescivendolo di fiducia, acquistiamo i pesci più freschi e prepariamolo a casa!

A seconda del territorio ne esistono innumerevoli varianti, anche a seconda della fantasia, ma soprattutto della disponibilità dei prodotti. Io sono stata fortunata e l’ho preparato con specie ittiche diverse, ma gli ingredienti che assolutamente non possono mancare sono calamari, triglie, mazzancolle, alici e moscardini.

Gli ingredienti!

  • Mazzancolle
  • Alici
  • Triglie
  • Gallinelle
  • Zanchette
  • Calamari
  • Moscardini
  • Seppie
  • Semola q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio di semi di arachide q.b.
  • 1 Limone

Il consiglio è quello di farlo pulire ed eviscerare dal pescivendolo al momento dell’acquisto, ma se non vi è possibile, ecco qualche suggerimento:

Puliamo bene il pesce, levando le squame dalla superficie delle triglie usando il dorso di un coltello e tenendo la triglia dalla coda. Facciamo un’incisione sulla pancia per eliminare completamente le interiora. Rimuoviamo la testa, sfilettiamo e rimuoviamo tutti le spine, procediamo in egual modo per alici e gallinelle
Per i calamari, dopo aver rimosso la testa, eliminiamo la cartilagine trasparente e le interiora, gli occhi e il becco dalla testa. Rimuoviamo la pelle, tagliamo ad anelli e lasciamo i tentacoli interi.
Per la pulizia delle seppie eliminiamo l’osso e il becco e conserviamo la sacca di nero per un’altra preparazione.
Per la pulizia dei moscardini rivoltiamo la sacca ed eliminiamo le interiora, gli occhi e la bocca con le forbici.
Per la pulizia delle mazzancolle procediamo eliminando testa e zampette, incidiamo il carapace per rimuovere l’intestino, un filo nero che si trova sul dorso. Io ho utilizzato uno stuzzicadenti.
Ora procediamo con gli altri passaggi, laviamo e tamponiamo il pesce. Deve essere umido, ma non bagnato in modo che la farina non si stacchi durante la frittura.
Prepariamo un piatto con la semola e passiamo il pesce, scuotiamo delicatamente, per eliminare l’eccesso.
Nel frattempo, scaldiamo l’olio a una temperatura di 175°, adagiamo delicatamente il pesce e poco per volta per non abbassare troppo la temperatura dell’olio.
Friggiamo un tipo per volta, per avere i tempi di cottura omogenei.
Una volta dorato, disponiamo in un piatto capiente su carta per fritti, con la stessa carta, smuoviamo e tamponiamo per asciugarlo bene, ma se avrete seguito tutti i passaggi come descritti, il fritto risulterà già piuttosto asciutto.
Sistemiamo il fritto su un piatto da portata, saliamo, decoriamo con spicchi di limone e le sue foglie e serviamo il fritto di mare misto ancora caldo.
A cura di Simona Armenise

Ora non vi resta altro che servirlo e mangiarlo!

 

Buon appetito!

RIMANI AGGIORNATO SUGLI EVENTI ISCRIVENDOTI ALLA NEWSLETTER!

    Ultime News

    • La polenta, una ricetta tradizionale ma sempre pop! Le pop ricette di Pop Up food!...

    • Scopri come realizzare un vero e proprio fritto misto di pesce come al ristorante! Le pop ricette di...

    • Scopri come realizzare un vero e proprio cruditè di pesce come al ristorante! Le pop ricette di Pop ...

    marzo 2021

    SHARE THE #POPUPEXPERIENCE


    X